RISCALDAMENTO DOMESTICO. 2018-02-22T18:05:57+00:00

Nel 2014 l’unione europea ha emanato la direttiva 2005/32/CE, conosciuta come Eco-Design ed entrata in vigore il 30 Settembre 2015 la quale in sostanza impone ai costruttori la produzione e il commercio all’interno della comunità europea di caldaie in classe A con limitate deroghe transitorie alla classe B e C.

CLASSE A (CALDAIA A CONDENSAZIONE)

La caldaia a condensazione è stata nel passato molto discussa dagli addetti ai lavori in quanto non si riteneva idonea alla sua applicazione agli impianti tradizionali come quelli a termosifone. Dopo svariati anni di installazioni e pratiche, si è visto che ha effettivamente una resa minore se confrontata con ai moderni impianti radiante a pavimento, ma ciò nonostante consuma meno e condensa di più rispetto alle caldaie atmosferiche, tradizionali, camera aperta e camera stagna.

In sostanza una caldaia a condensazione ha una temperatura fumi di due gradi superiore alla temperatura del ritorno del circuito su cui sta lavorando. Di conseguenza se una caldaia tradizionale ha una temperatura fumi sempre superiore ai 100°C, lavorando per esempio con mandata ai radiatori 65°C e ritorno 40°C, la caldaia a condensazione ha una temperatura fumi di 42°C con un evidente recupero del calore di quei circa 60°C che fanno la differenza trasferendoli all’impianto con un risparmio in bolletta che va dal 20% al 30% fino al 40% se abbinato a termovalvole applicate sui radiatori e un valido cronotermostato ambiente con una conduzione attenta che non preveda più di 3°C di differenza tra la fase confort e la fase spento. Va quindi dimenticato il concetto acceso – spento.

 

 CLASSE B (CALDAIA A CAMERA STAGNA)

La caldaia in classe B è la caldaia a camera stagna che tutti conosciamo visto che ha una storia di più di 20 anni, dotata di uno scambiatore aggiunto in uscita del ventilatore, atto ad abbassare la temperatura fumi, sfruttando il ritorno dell’impianto, condensando, ma non come una vera caldaia a condensazione anche se erroneamente viene chiamata e proposta tale. Non ha la medesima modulazione di potenza ma il medesimo risparmio in bolletta nonostante sia dotata anche lei come la caldaia a condensazione del sistema ERP.

 

CLASSE C (CALDAIA A CAMERA APERTA)

La caldaia in classe C, è la caldaia a camera aperta dotata del sistema ERP installabile solo in sostituzione dalla medesima tipologia nei condomini in cui la canna fumaria ramificata, nei quali  non è possibile l’intubazione del camino per l’installazione di una caldaia a condensazione. Questo modello è in via di estinzione in quanto è installabile fino a che le amministrazioni dei condomini con camino centralizzato avranno trovato soluzioni con nuove canne fumarie esterne.

RICHIEDI IL TUO PREVENTIVO GRATUITO

Consento al trattamento dei miei dati personali ai sendi dell'art.13 del" "D.Lgs. 30/06/2003 n.196

Vuoi saperne di più?

Compila il form i nostri tecnici sono a tua disposizione per forniti senza alcun impegno ogni informazione.

Voglio Informazioni

ACQUISTA CON COMODE RATE MENSILI!

Installare il Climatizzatore o Cambiare la vecchia Caldaia è più facile.
Con noi puoi usare un finanziamento e rateizzare fino a 60 mesi!

fiditalia finaiziamenti